Navigation Menu+

Marinella Neri

Nata il:IMG

4 febbraio 1981

 

 

Marinella era:

  • ambivalente
  • esibizionista
  • vanitosa
  • civettuola
  • provocatrice

 

 

Tutti ricordano che Marinella:

 

1- appositamente, il giorno in cui le suore avevano ammonito che il giorno dopo ci avrebbero controllato la pulizia delle scarpe, lei decise di non pulirle, per essere al centro dell’attenzione. Erano diversi giorni che non veniva né lodata né punita per i suoi comportamenti.

 

2- quando un giorno vide la sua mia amichetta correre con le matite in mano, la avvertì che era pericoloso e che doveva dare retta a una bambina saggia come lei. In seguito alla caduta della sua amichetta con le matite in mano e tutte le conseguenze del caso, tutti abbiamo cominciato a chiamarla “cornacchia” perchè sostenevamo che Marinella portasse sfortuna. Esternamente mostrava indispettimento al nomignolo, ma in fondo sapevamo che le piaceva averne uno.

 

  • Marinella adorava Lara Dulcie Tiziano perché:

la faceva sentire il leader del loro piccolo duo stregonesco, e la consolava sempre ogni volta che le suore la mettevano in castigo.

 

  • Marinella e Ortensia Rambaldi:

Ortensia era uno dei bersagli preferiti di Marinella: con i suoi modi un po’ goffi le forniva spesso occasione per sfoggiare saggi consigli sui pericoli che correva. Una volta Ortensia stava cercando di farsi accettare di più da alcuni bambini, che l’avevano sfidata a bere la colla dell’ora di “lavoretti con la cartapesta”. Marinella intervenne presto nell’avvertirla del mal di pancia e della punizione che avrebbe avuto ma Ortensia non le diede retta: quest’ultima finì in infermieria e, in seguito, in punizione.

 

  • Marinella riteneva Gigino un buon amico perché: 

spesso lui chiedeva il suo consiglio, ascoltandolo attentamente. Inoltre, spesso le cedeva la propria porzione di succo di frutta.

 

  • Marinella, le suore e Marilina:

Un giorno Marinella cominciò a piangere a dirotto: era periodo natalizio ed stata assalita da un vero e proprio attacco di panico. Le suore cercarono di far cessare le lacrime arrivando anche a minacciarla con delle punizioni, ma non ci fu modo. Alla fine della giornata, Marinella confidò a Marilina di aver pianto così tanto perchè gli orfani non hanno un cognome, e Babbo Natale non avrebbe mai lasciato dei doni in una casa di bambini senza cognome.

 

  • Marinella e i maschietti della Banda:

A Marinella piaceva Lucio, era sempre compito e disponibile, e si prestava bene ad essere manipolato per ottenere merendine o biglie.

 

  1. Maddalena

    La sua amichetta che correva con le matite in mano ero io. Ricordo che mi urlò qualcosa di strano, che mi turbò, che però io non capii perché stavo canticchiando in onore delle mie matitine che volevo far conoscere alla mia amica Giorgia, ma mentre cercavo di frenare la mia corsa felice per girarmi e capire cosa diceva presi una bruttissima storta. Nonostante questo io sono l’unica a non averla mai chiamata “cornacchia”, un po’ per timore e un po’ perché sapevo di indispettirla e questa fu la mia piccola vendetta. Lei lo sospettava.

    • Ivan Solmi

      Ero io che ho dato per primo a Marinella della cornacchia, subito dopo l’episodio con Maddalena. Era la mia piccola vendetta per averla sentita prendermi in giro, leggendo il mio diario ad alta voce alle sue amiche, poco dopo che era stato rubato.
      Maddalena poi non l’ha usato, ma tutti noi sì. Sarebbe stata una soddisfazione per Marinella, ma soprattutto per noi…

  2. Giorgia Torres

    Marinella e Giorgia avevano architettato una via di fuga, o meglio di transito dall’orticello delle suore al campo di pannocchie adiacente. Avevano fatto un buco nella rete e ogni tanto andavano a correre tra le pannocchie, d’estate. Un giorno Marinella volle portare tutta la Banda nel nostro buco e…