Navigation Menu+

Luciano Bilancia

Nato il:luciano bilancia

10 luglio 1978

 

Luciano era:

  • Curioso
  • Furbo
  • Carismatico
  • Egoista
  • Imprevedibile

 

 

Tutti sanno che Luciano:

 

1- giocava sempre con gli insetti, che tendeva a torturare. Raccoglieva ad esempio i ragni in una piccola scatola e li faceva combattere tra loro, finchè uno dei due non moriva.

2- non mangiava molto in mensa e spesso veniva rimproverato per questo. Qualche giorno prima della nascita della banda venne rimproverato più duramente del solito per non aver toccato cibo, e lui rispose a suor Angelica, dicendole di lasciarlo in pace. La dura punizione che ne derivò fece sì che Luciano guadagnasse il rispetto degli altri bambini.

 

  • Luciano adorava Mario Barani perché:

ammirava la sua fantasia e il suo estraniarsi con quei sassolini. Provava per lui un’infinita pena quand’era costretto a subire le bacchettate di suor Angelica per colpa della sua debolezza. Un giorno Luciano arrivò persino a prendersi la colpa di un bicchiere rotto in mensa, pur di salvarlo dalla punizione.

 

  • Luciano e Katia Celeste…

durante una delle “cacce al tesoro” organizzate da Katia, Luciano cadde in una buca piuttosto profonda. Si procurò un brutto livido sul braccio e il dolore al momento della caduta gli impediva di poter risalire. Luciano ci raccontò di aver guardato in alto in cerca di aiuto, di aver visto Katia fermarsi e fissarlo per un po’, per poi scappare via come se nulla fosse.

 

  • Luciano riteneva Gigino un buon amico perché:

Gigino non faceva domande, era sempre sorridente e disponibile e qualsiasi cosa potesse fare, non lo giudicava mai. Luciano avrebbe dato tutto per lui in quegli anni. Tutto.

 

  • Luciano e Marilina:

Un giorno Marilina, mentre stava riordinando il suo letto, trovò sotto il materasso un disegno. Il tratto era molto incerto, ma si potevano distinguere i contorni di una suora e un pugnale conficcato all’altezza del petto. Sul momento la governante trasalì e pensò di rivolgersi alle suore, ma dopo alcuni minuti di riflessione decise di parlarne con lui. Negò di essere il proprietario del disegno, insistendo fino quasi ad urlare. Marilina dopo un po’ pensò che avesse capito l’errore e gli riconsegnò il disegno ordinandogli di bruciarlo, altrimenti l’avrebbe ripreso e consegnato a chi di dovere.

  • Luciano e le bambine della Banda:

Le femmine erano “il nemico”, sempre e comunque.

 

  • Luciano e Colla:

…”sebbene fossi attratto dal “lato oscuro” di Lorenzo e dal suo spingersi oltre le normali marachelle (vedi episodio del piccione), il bimbo con cui mi trovavo meglio era sicuramente Kolia. Per mia indole ero incline a non accettare nessuna forma di autorità e Kolia riusciva a fomentare questo mio lato ribelle, rendendomi immune dalla paura di ogni possibile punizione. L’episodio della bottiglia di vetro contro suor Angelica fu il più eclatante. Era lui, insomma, il mio compagno di scherzi preferito. Non sapevo se la cosa fosse reciproca e questo un po’ mi feriva, ma non l’ho mai dato a vedere…”

  1. Kòlia

    Una volta Kolia vide Luciano che torturava una mosca. La aveva presa in trappola con della carta appiccicosa e si stava divertendo a strappargli le ali. Colla disse a Luciano di lasciarla andare, ma Luciano rispose che non ne aveva nessuna intenzione. Allora i due si misero a litigare e a strepitare finché…

    • Giorgia Torres

      …passò Suor Angelica che trascinava per un braccio Giorgia, che guardò verso i due bambini disperata. Probabilmente ne aveva combinata una e Suor Angelica la stava portando fuori per punirla. Luciano tirò fuori dalla tasca una bottiglietta di succo di frutta vuota, riempita con mosche a cui aveva strappato le ali. A Kolia sarebbe scappato quasi da ridere se non fosse stato così spaventato per le sorti di Giorgia. Luciano prese Kolia per una mano e nascosti tra gli alberi presero un vantaggio su Suor Angelica. Non appena furono in buona posizione…

      • Luciano Bilancia

        Gettarono la bottiglia ai piedi di suor Angelica, che si ruppe su un sasso appuntito esplodendo in mille pezzi. Le mosche colpirono l’abito della suora, alcune di esse rimasero aggrappate al velo, facendola urlare dallo spavento. Guardando il viso sorridente e divertito di Giorgia (che avendoli visti si aspettava qualcosa del genere), Kolia e Luciano trattennero a stento le risate. Suor Angelica si riprese poco dopo e cominciò ad urlare cercando di scacciare le mosche rimaste aggrappate, dopodichè setacciò la zona in cerca dei colpevoli, che però questa volta riuscirono a farla franca. La rabbia fu talmente tanta che la marachella di Giorgia cadde nel dimenticatoio. Fu uno degli episodi più divertenti da raccontare alla Banda.

    • Luciano Bilancia

      Kòlia un giorno diede una spinta a Luciano facendolo cadere. Luciano si rialzò, afferrò un sasso e si scagliò contro di lui, ma proprio in quel momento arrivò suor Filippa che, dopo aver bloccato il braccio di Luciano, riuscì a porre fine alla lite minacciando di chiamare suor Angelica. I due si fissarono a lungo come a ripromettersi una vendetta, ma dopo un paio di giorni, sbollita la rabbia, tutto tornò come prima.

  2. Alda

    Un giorno Luciano vide Dada che ballava sola sotta la pioggia. Rimase a guardarla, si mise a ridere e le chiese che diamine stesse facendo. Dada inizialmente si vergognò ma poi…

    • Luciano Bilancia

      gli confessò che stava ballando per far tornare il sole, con il quale doveva “parlare” per dirgli una cosa importante. Luciano la fissò a lungo, poi scoppiò a ridere dandole della matta. Girò i tacchi e fece per andarsene, a metà strada però si nascose dietro un albero e continuò a fissarla, per vedere fino a quando sarebbe andata avanti..