Navigation Menu+

Federico Odorisio

Nato il:federico odorisio

30 gennaio 1981

 

Federico era:

  • introverso
  • permaloso
  • sensibile
  • leale
  • altruista

 

 

Tutti ricordano che Federico:

 

1- odiava più di ogni altra cosa al mondo era essere incolpato ingiustamente. Di qualsiasi cosa, dalla più grave alla più ridicola. Noi usavamo spesso questa sua debolezza per farlo arrabbiare e farci due risate.

2- andava pazzo per le fotografie di posti lontani, collezionava brochure di agenzie di viaggi e ritagli di riviste ma non ne era geloso. Era felice di mostrare la sua collezione a chiunque avesse voglia di vederla.

 

  • Federico adorava Jacopo Dallacroce perché:

Jacopo non era mai bugiardo o dispettoso. Mentre altri bimbi più turbolenti erano capaci di passare un giorno intero a correre, litigare e fare danni, Jacopo e Federico erano capaci di passare un giorno intero senza dirsi una parola, disegnando, giocando con le macchinine o facendo biscotti di terra. Erano legati dalla serenità che costruivano stando insieme ed erano sempre pronti a difendersi l’un l’altro.

 

  • Federico e Caterina Bentivoglio…

Una volta Caterina ruppe un piatto e diede la colpa a lui. Suor Angelica lo cercò per sgridarlo e probabilmente sarebbe finito tutto con una breve ramanzina ma Federico si infuriò talmente tanto per essere stato accusato ingiustamente che prese a urlarle in faccia con tutto il fiato e lei lo mise in punizione per una settimana.
Quando scoprì chi era stato, ci volle una riunione per calmarlo: la Banda impose a Caterina di chiedere scusa a Federico davanti a tutti.

 

  • Federico riteneva Gigino un buon amico perché:

Gigino non diceva mai di no. Accettava con entusiasmo qualsiasi proposta, dai giochi più sfrenati alle occupazioni più tranquille con cui tenevamo a bada la noia nei freddi pomeriggi invernali, quando il tempo sembrava non passare mai. Era sempre felice di ripassare insieme la collezione di paesaggi di Federico, pur conoscendola a memoria.

 

  • Federico e suor Angelica:

Grazie alla cultura geografica di Giorgia, Federico aveva imparato a collocare nel mondo i luoghi delle sue fotografie. Suor Angelica lo vide scrivere dei numeri a penna sul planisfero per indicizzare la collezione e gli chiese di vederla. Federico gliela mostrò immediatamente e con un certo orgoglio. Dopo aver visto Macchu Picchu, la Piramide di Giza, i templi shintoisti del Giappone e il Taj Mahal, Suor Angelica gli chiese come mai non collezionasse foto di chiese cristiane. Federico rispose “Mi piacciono le cose lontane”.

Fu costretto ad aggiungere il Duomo di Milano, la Cattedrale di Reims e la Basilica di San Benedetto a Norcia.

 

  • Federico e le bambine della Banda:

A Federico piaceva Caterina. Gli piaceva per la ragione più ovvia e banale, perché era carina e bionda. Non era mai infangata e impiastricciata, non aveva mai un taglio di capelli ridicolo o dei vestiti troppo grandi o troppo piccoli. Più che orfana tra gli orfani, sembrava la figlia dei padroni di casa che si diverte a giocare con i figli della servitù. Ma aveva dei modi insopportabili, era manipolatrice e bugiarda. A volte Federico si ritrovava a fissarla senza rendersene conto finché il sorriso compiaciuto di lei lo riportava bruscamente alla realtà e lui si voltava dall’altra parte, arrabbiato con sé stesso.

 

  1. Tommaso

    Una volta nascosi la sua collezione di fotografie. Mi divertii un mondo a vederlo cercare ovunque invano. Quando sembrava oramai aver perso la speranza mi avvicinai e gli dissi che la sua collezione l’aveva presa Caterina, allora lui corse da lei infuriato strillando e accusandola. Quando si scoprii che non era stata lei, Federico dovette…

  2. Paola Fornaciari

    Io chiedevo spessissimo a Federico di mostrarmi la sua collezione di immagini di posti lontani, specialmente quelle dell’Africa e dei Safari che mostravano animali come la giraffa, il leone e l’ippopotamo. Aveva due pezzi di rivista con la giraffa, così, dopo mille tentativi di convincimento, mi feci dare la più stropicciata in cambio di una cartolina che avevo rubato dalla cassetta della posta di una casa vicino al parco. Gli promisi di non perderla mai, quella pagina strappata con la giraffa…

  3. Cristina Nappi

    Mi ricordo che aiutai anche io Tommi a rubare e poi nascondere le fotografie di Federico…e quando fu accusata Caterina ci divertimmo moltissimo a guardare le loro reazioni. Poi Federico fu costretto a scusarsi con lei, perché io gli confessai che gliele avevo bruciate! La sua faccia alla notizia fu assolutamente esilarante…non la dimenticherò mai. In realtà fui davvero tentata di farlo, ma Tommi mi frenò, sarebbe stato in effetti troppo crudele e Federico in fondo non meritava cattiverie.